Storia di foglie, dal ramo alla stampa

Durante una passeggiata autunnale a Monte Luco (L’Aquila) mi sono imbattuta in uno spettacolo imperdibile: il meraviglioso colore ‘marrone bruciato, quasi dorato, tendente al rosso’ di alcuni grandi alberi e di alcuni arbusti, facilmente raggiungibili. Molte foglie sono già a terra. La mia passione per le foglie è innata. La mia mania per raccogliere qualsiasi materiale naturale – foglie rametti galle … – per conservarli e farne delle composizioni che mi portino la natura in casa, fino alla stagione primaverile, è consolidata.

Di fronte alle foglie di questo albero (in realtà riesco a raggiungere solo l’arbusto!), sicuramente un acero anche se non so quale, naturalmente non resisto: ne raccolgo un bel mazzo (da terra perché mi dispiace strapparle dal ramo, anche se sono ormai destinate a cadere entro pochi giorni) pregustando il piacere di qualche composizione originale.

1

Nel pomeriggio, al telefono con l’amica Michela, mi ritrovo a parlare del mio ‘raccolto’. Direte tra voi e voi, ma, tra amiche, possibile non ci sia altro argomento di conversazione?

C’è naturalmente, ma con Michela le conversazioni sono speciali e, solitamente, hanno la natura al centro. Perché Michela è Rosso di Robbia, la persona che mi ha introdotto ai segreti della stampa naturale completando, per così dire, quel fil rouge rappresentato dal mio amore per le piante e le foglie che mi accompagna sin da bambina, quando giocavo con le foglie dei noccioli, delle ghiande, degli alberi da frutto … e quelle di castagno diventavano bicchieri per bere alla fonte nel bosco accanto alla casa dei nonni.

Naturalmente le invio una delle foto che ho scattato (incredibile quanto possano essere utili i nuovi mezzi di comunicazione, WhatsApp nel nostro caso). E dall’altro capo del filo (virtuale) sento Michela esclamare. ‘Acero opalo! Vedessi che risultati sul tessuto!’. Lo scambio di foto è assicurato (naturalmente sarà solo il primo passo per qualche tessuto che diventerà sciarpa, casacca, o chissà cos’altro)!

Si impone una documentazione: sinceramente è la prima volta che mi imbatto in questo tipo di acero e, apparentemente, in Italia è presente anche sugli Appennini ma solo fino all’Umbria. Come dire: si è verificata chissà come un’espansione verso le montagne abruzzesi che mi riprometto di immortale anche nelle prossime stagioni! Trovo anche un video sul riconoscimento dei diversi aceri, parte di una serie ben fatta e senz’altro utile realizzata dalla Compagnia delle foreste.

Nel frattempo organizzo le mie nature morte invernali: una parte delle foglie le lascio seccare all’aria per vederne l’effetto una volta secche, una parte la dispongo accuratamente tra le pagine sottili delle locali Pagine Gialle cartacee (ormai quasi in disuso …) per osservarle a distanza di tempo, una volta secche.

2 5

Dal ramo, alla natura morta da conservare gelosamente fino alla primavera, all’incontro di alcune foglie dello stesso tipo di acero con i tessuti di Rosso di Robbia: la storia nella galleria fotografica!

3 6 7 acero-stampato-1

Alcune note: la passeggiata alla quale faccio riferimento nell’articolo risale all’autunno del 2015, la passione per le piante continua, l’amica Michela è il mio punto di riferimento per l’ecoprint, una forma di artigianato che diviene arte, moda, design!

Testo: No Serial Number (Rosa)

Foto: No Serial Number e Michela Pasini


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

Un pensiero riguardo “Storia di foglie, dal ramo alla stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *