Mangiare a colori, secondo Cake Party

Il colore è un argomento consueto per No Serial Number. Ne abbiamo parlato in ambiti diversi ma mai nel campo della cucina. Ed ecco che interviene Nausicaa Frusi che con la sua attività – Cake Party – ci viene in aiuto con le sue interessanti riflessioni sul cibo e i colori o, se preferite, sui colori dei cibi e con una galleria di foto delle sue creazioni.

Il colore è fondamentale, da sempre, in moltissimi campi. E’ oggetto di ricerca, di studio, di applicazione. E’ un fatto culturale. Può contribuire a definire lo status sociale, tra affermazione e pregiudizi. E’ parte integrante della creatività. In una società come quella attuale, in cui l’apparire e l’apparenza svolgono un ruolo fondamentale, attorno al colore ruotano business e mode.

Il colore è ‘prima’ e ‘dopo’.

Il ‘prima’ è rappresentato dai colori (vegetali, minerali o animali) e dai processi di chimica naturale.

Il ‘dopo’ è la chimica di sintesi (dal XIX secolo) e tutti i processi per creare mille sfumature diverse in laboratorio da utilizzare in tutti i campi, dal settore tessile a quello alimentare.

Anche il settore alimentare, certo, perché il colore è fondamentale nella gastronomia, dalla scelta degli ingredienti alla preparazione delle pietanze e fino alla loro presentazione in tavola. Nel panorama attuale, scegliere il colore naturale in cucina è una sfida per una miriade di motivi:

  • i cibi con la cottura cambiano colore; certi colori naturali diventano grigi o sbiadiscono completamente;
  • i colori hanno una resa differente in relazione all’accostamento con cibi acidi o basici;
  • il tipo di conservazione;
  • in natura non esistono tutti i colori. Ad esempio, per ottenere un bel verde brillante in cottura bisognerebbe aggiungere succo di spinaci in grandi quantità … e in un dolce questo – ovviamente – non si può fare;
  • i colori dei cibi sono instabili e difficilmente riproducibili. Non c’è costanza in natura ma solo varietà e volubilità;
  • i colori naturali non sono brillanti come quelli che si ottengono dai preparati di sintesi ai quali ormai il pubblico è abituato;
  • i colori naturali, inoltre, hanno un costo più elevato che porta alla riduzione del profitto.

Perciò, se un pasticcere decide di usare i colori naturali per tre torte da banco, si troverà a esporre tre torte diverse, con tre colori diversi e tre sapori differenti. È un rischio che una pasticceria non può permettersi perché il costo della materia prima di alta qualità e fresco e quello di lavorazione sarà quadruplicato e il risultato non sarà all’altezza del pubblico abituato a vedere la qualità e la garanzia nell’uniformità di ciò che gli viene proposto. La stessa cosa accade nell’ambito della moda dove il prodotto per quanto di alto livello è prodotto in serie. Eppure si è imposto sul lavoro sartoriale.

Così un pasticcere, nel suo negozio, ha un cassetto con dentro i barattoli di colore. Apre quello che gli serve, pesca col cucchiaio e usa. Fine.

Se si opta, come me, per usare i colori naturali, si deve andare al mercato, scegliere la frutta o la verdura, usarla in tempi brevi, lavarla, sbucciarla o anche essiccarla e frantumarla …

E’ un lavoro molto diverso, i costi sono differenti e può essere realizzato solo su ordinazione, per un pubblico che sceglie, a sua volta, il prodotto con oculatezza e per l’occasione specifica che deve realizzare, rivolgendosi a chi – come Cake Party – può seguire tutta la filiera.

In questa realtà, piccola, gestita in proprio, sulla base di competenze gastronomiche e artistiche, si può affrontare il discorso del colore nelle preparazioni – dolci e / o salate – e sulla tavola.

Il mondo dei colori a tavola è un mondo pieno di appagamento e sensibilità, di dono al nostro corpo e alla nostra mente, un piacere che non è mero nutrimento.

Ed ecco allora qualche idea per usare i colori della natura anche nella nostra cucina quotidiana dove è possibile colorare la mensa con pochi accorgimenti e un uso oculato di ingredienti e abbinamenti.

E allora, largo a salse bianche, cui i mirtilli danno sfumature dal viola al lilla; largo a frappè di pesca e arancia, che paiono tramonti fra nuvole rosate … Ma anche a focacce nere come il carbone (ottenute appunto con il carbone vegetale, il caffè o il nero di seppia) su cui appoggiare una dip (salsa con prevalenza di vegetali tra gli ingredienti che devono essere almeno quattro) di avocado e lime, verdissima.

I colori ci coccolano a ogni morso, declinati in dolcezze suadenti o in gustosi piatti salati. Fanno allegria, come certe insalate di peperoni sgargianti tagliuzzati fra rossi pomodori e foglie di Soncino, dal lussureggiante verde scuro. Evocano viaggi ed esperienze, riportano alla memoria ricordi sopiti.

E allora, ancor più se avete un momento di spossatezza o vi sentite giù di corda, cospargete chicchi di mais lessati come perle dorate sui vostri cibi, spolverate di curcuma, di prezzemolo, date un tocco di vivacità al vostro pasto … Che sia una colazione o una cena, una merenda o un pranzo, basta davvero poco a rendere un desco accattivante, anche quello approntato col menù più semplice.

Ad esempio, sta arrivando la primavera? Un ottimo frullato di frutta di stagione aiuta ad affrontare questo passaggio, apportando vitamine e preziosi nutrienti.

Non sempre i frullati hanno un aspetto invitante. Un ottimo consiglio è quello di aggiungere qualche frutto o verdura ad alto potere colorante (mirtillo, carota, barbabietola lessa, lampone, arance rosse, …) e un rametto di menta oppure dei fiori eduli, da adagiare sulla superficie della bevanda e da mangiare con l’ultimo sorso del vostro corroborante concentrato di bontà!

Sono i piccoli gesti che rendono speciali i momenti che viviamo. Coloriamoli tutti!

TESTO E FOTO: Nausicaa Frusi – Cake Party


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

3 pensieri riguardo “Mangiare a colori, secondo Cake Party

  1. […] All’inizio, come spesso accade, l’incontro avviene sui social: si comincia a seguire l’attività reciproca, dalla curiosità iniziale si passa all’interesse e al contatto diretto. Quando No Serial Number Italia individua un’attività di cui può essere interessante parlare non esita a instaurare il contatto. Soprattutto se percepisce che si tratta di qualcosa che già rientra nei suoi interessi. Così è stato per Cake Party: il filo conduttore è stato il colore, anzi, i colori naturali. Ne avevamo parlato tante volte ma mai nel campo alimentare. Così è nata l’idea del primo articolo. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *