Piccoli lettori crescono (tra scuola e libreria)

Arrivano da Vitorchiano, accompagnati dalle loro maestre – Amelia Polignano, Elisabetta Merlani e Gianna Diana -, con il pullmino della scuola, puntualissimi.

Sono quaranta bambini di quinta elementare che occupano lo spazio della Galleria nel Teatro Libreria Bistrot Caffeina, uno spazio pensato per essere multifunzionale che si sta rivelando realmente versatile.

Da quando abbiamo aperto, sono passati solo quattro mesi e le sperimentazioni in atto per riempire lo spazio, metterlo a disposizione della città e dei cittadini si moltiplicano ogni giorno, complice la passione che anima i fondatori di Caffeina e l’intero staff.

Oggi è un’occasione speciale.

L’idea di portare i bambini in libreria per una trasferta di lettura è venuta a una delle loro maestre che, forte dell’esperienza di lettura in classe, mi ha proposto di realizzare un incontro adatto a loro.

E così, eccoli qui: prendono posto ai tavoli della galleria, la riempiono con la loro presenza, depositano zaini e giubbotti. Le maestre hanno spiegato loro di cosa si tratta ma l’ambiente è nuovo e inaspettato.

Complice la novità, è facile ottenere il silenzio per dare inizio al programma: lettura di un libro, pausa per la merenda e la visita alla libreria (in particolare al settore ragazzi, al piano superiore), conclusione della lettura.

A questo punto, devo fare un passo indietro. Quando, con la maestra, abbiamo ipotizzato questo incontro, la domanda che mi sono posta è stata: cosa leggere? Deve essere adatto alla loro età e coinvolgente.

Naturalmente, c’è l’imbarazzo della scelta tra i titoli a disposizione, decidere non è stato facile. Alla fine la scelta è caduta su un testo breve, da poter proporre nella sua interezza, che tratta un tema profondo con una freschezza e delicatezza di toni capace a mio parere di attrarre l’attenzione dei bambini dall’inizio alla fine.

Il titolo: Sai fischiare, Johanna?

L’autore: Ulf Stark (Stoccolma, 1944 -2017)

L’illustratore: Olof Landström (Finlandia, 1943)

Il traduttore: Laura Cangemi

La casa editrice svedese: Calrsen Bokförlag, 1992

La casa editrice italiana: Iperborea, 2017

La collana: Miniborei

Spiego molto rapidamente ai bambini questo elenco di voci, indispensabili per comprendere un libro, e diamo inizio alla lettura.

I protagonisti: due bambini, un nonno ‘adottato’ in una casa di riposo, le esperienze vissute insieme (una calendula, un aquilone, le ciliegie, il motivetto fischiettato dal nonno – ecco spiegato il titolo -) fino al giorno in cui i due bambini, andando a trovare il nonno, non lo trovano nella sua stanza perché “è volato in cielo”, come spiega loro l’infermiera.

Durante la lettura, non è ‘volata una mosca’, l’intervallo è stato giustamente animato, soprattutto quando i bambini, accompagnati dalla libraia Valentina, sono andati alla scoperta del piano superiore.

Molti di loro al momento di salutare, dicono di voler tornare.

Tutto questo è accaduto venerdì mattina.

E, per quanto possa sembrare incredibile, già nel pomeriggio dello stesso giorno e durante il sabato, alcuni bambini sono tornati con i loro genitori.

È proprio il caso di dirlo: piccoli lettori crescono, nella Libreria Caffeina!

(per gli insegnati e le scuole che volessero ripetere l’esperienza, contattare la libreria Caffeina – 0761 342681 oppure 339 8338833 -. Vi aspettiamo!)

Il prossimo incontro da non perdere? La presentazione / spettacolo di Storia di una matita di Michele D’Ignazio, Venerdì 16 marzo: per le scuole al mattino, ore 10:30, aperto al pubblico il pomeriggio, alle ore 17:30

TESTO: Rosa Rossi

FOTO: Valentina Manganiello


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

2 pensieri riguardo “Piccoli lettori crescono (tra scuola e libreria)

I commenti sono chiusi.