Partendo da un libro, si scoprono libri!

Vi piace leggere? Vi piacerebbe avere un libro che vi guidi alla ricerca di libri da leggere?

C’è un titolo che non può mancare sul vostro comodino (o sulla scrivania, o sul bracciolo della vostra poltrona preferita).

Si tratta di un libro che non si può leggere dalla prima pagina all’ultima. Va scoperto, sfogliato, in ordine sparso, secondo il momento, l’ispirazione, la voglia di scoprire e di indagare.

Non è un romanzo ma un manuale.

Oddio, direte voi, ma un manuale è noioso!

Questo manuale fa eccezione: è molto speciale, da usare liberamente.

Si può cominciare da un punto qualsiasi: da uno dei capitoletti – sarebbe preferibile dire da una delle innumerevoli schede di cui è composto; oppure dagli elenchi, dagli indici (se vi incuriosisce cominciare dalla fine); dalla prefazione (fondamentale), dalla nota redazionale o dalla introduzione, se preferite seguire l’ordine tradizionale.

Quale che sia l’ordine prescelto vi introduce in un mondo di titoli che corrispondono ad altrettanti libri capaci di curare l’animo di chi legge.

Io ho iniziato dalla Nota all’edizione 2016 del curatore, Fabio Stassi, anzi dalla ‘nota’ che l’accompagna:

Linea ferroviaria Viterbo – Orte – Roma, settembre 2016

che mi ha riportato indietro di oltre quaranta anni, quando da Viterbo partivo prestissimo, in treno, per arrivare alla Sapienza, a Roma, in tempo per le lezioni e per rinchiudermi in biblioteca, al primo piano della Facoltà di lettere.  E naturalmente, l’ho portato a casa! Come dire, dalla malattia dei libri non si guarisce.

Ora, la nota alla nota è del curatore di questo libro per l’edizione italiana, Fabio Stassi; il libro nella sua forma originale è frutto del lavoro di Ella Berthoud e di Susan Elderkin, la passione dei libri in comune e l’idea di un servizio di biblioterapia a Londra con la School of Life, a Bloomsbury, London, a pochi a Russel Square.

Il libro è anche – e non poteva non essere – un esperimento: l’edizione inglese è stata arricchita di schede ad hoc per ogni altra edizione nazionale  ed è in progress (ci sono apposite pagine sul sito della Casa editrice per proporre integrazioni).

Il titolo?

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno (nell’originale: The Novel Cure. An A to Z of Literary Remedies).

Io lo tengo portata di mano, ogni tanto leggo qualche pagina, seguendo percorsi tutti miei, tra i titoli presenti in libreria e quelli della biblioteca di famiglia.

Così facendo, sono incappata nella scheda dedicata a Una piccola libreria a Parigi di Nina George, il racconto di un libraio tanto bravo a individuare il libro giusto per il cliente quanto incapace di trovare la strada giusta per sé. Nella libreria Caffeina lo trovate. Ma trovate tanti altri titoli dedicati ai libri e alle librerie.

Se vi incuriosisce questo percorso, potete cominciare la caccia al libro … oppure iniziarne una nuova, a vostra dimensione.

TESTO E FOTO: Rosa Rossi

Segnalibro in feltri artigianale di Diana Biscaioli


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram