Letture in libreria (e in trasferta)

C’è qualche adulto che possa dire di aver letto d’un fiato un libro consigliato per i bambini dai nove anni?

Ecco, se c’è, mi piacerebbe sapere il titolo del libro con cui gli è capitato!

Come? Semplice, venite a trovarmi in Libreria!

Intanto vi racconto con quale libro è capitato a me.

Comincio con il dire che sto preparando un’iniziativa per promuovere la lettura nelle scuole, elementari ma anche primo anno delle medie, con appuntamenti speciali nella galleria e, se necessario, in trasferta.

Il successo della prima lettura, realizzata con un gruppo di maestre della scuola elementare di Vitorchiano, mi spinge a promuovere l’iniziativa e a moltiplicarla, nella convinzione sia fondamentale per accostare i bambini ai libri e far crescere in loro la passione per la cultura.

Per farlo devo scegliere i testi da proporre, leggendoli.

Così mi capita di leggere o rileggere libri che avevo già letto da bambina o libri che ho letto quando le mie figlie erano piccole (perché da genitore, da nonna, da docente e, ora, da direttore della Libreria Caffeina, sono convinta che gli adulti debbano leggere i libri destinati ai bambini).

A questo punto devo ammettere che, anche se non fosse per motivi professionali, mi piacciono e li leggo volentieri. Naturalmente ci sono autori e generi che preferisco. E mi capita anche di immergermi in un libro al punto da leggerlo d’un fiato senza riuscire a smettere.

Con uno in particolare, mi è capitato proprio stamani, La tela di Carlotta di E. B. White.

Ne avevo una copia in inglese, la lingua originale, acquistato – lo confesso – in una libreria di una famosa catena con altri titoli che mi riprometto di leggere, magari con l’aiuto dei nipotini (sempre nella speranza che il mio inglese stentato e mai realmente studiato – ai miei tempi lo studio del francese era molto più diffuso di quanto non lo sia oggi – possa avanzare). Ieri, non ho potuto fare a meno di acquistare la copia italiana (sì, spesso torno a casa con un libro in più e non lo faccio solo io, ma anche le altre libraie! Perché, si sa, i librai sono tipi un po’ speciali o forse un po’ matti).

Insomma, ho iniziato ieri sera e stamani all’alba ho ripreso la lettura …

Sicuramente, non potrà essere protagonista delle Letture in libreria. Troppo lungo.

Ma sicuramente sarà inserito nei nostri consigli di lettura: i protagonisti – animali, bambini e adulti, l’ambiente in cui si muovono, la vicenda nel suo complesso sono espressione di grande capacità narrativa e riescono a trasmettere, attraverso punti di vista insoliti una vasta gamma di contenuti e di riflessioni.

Gli animali – lontani eredi di quelli protagonisti delle favole di Esopo – guardano agli uomini da una prospettiva insolita, la bambina che riesce ad ascoltarli fa da anello di congiunzione tra i due mondi (quello animale e quello umano), la natura, colta nelle sue trasformazioni stagionali, è anch’essa protagonista a pieno titolo. Carlotta, il ragno, tesse la sua tela e la sua capacità di tessere (e, incredibilmente, di scrivere) diventa chiave di tutta la vicenda.

Credo proprio che alcune pagine saranno comunque protagoniste di una lettura.

TESTO E FOTO: Rosa Rossi


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram