Il richiamo dei libri. Cronaca da Giardini d’autore, Rimini

Domenica di marzo in Romagna!

L’occasione è l’edizione di primavera di Giardini d’autore, resa possibile da una promozione FS: biglietto Pescara – Rimini per due al costo di uno!

Anche la modalità del viaggio è importante: stare comodamente seduti in treno, in compagnia di un libro e con il finestrino affacciato sul mare è sicuramente il modo migliore per una breve visita ad una manifestazione ormai storica che, dall’anno scorso, si è trasferita a Rimini, nel Parco Federico Fellini.

Amarcord! Ricordando il film, prima di tutto.

Ma i ricordi riguardano anche i libri. E’ inevitabile, curiosando nello stand dell’associazione Il Mignolo Verde che propone libri nuovi, meno nuovi e decisamente vintage tutti, rigorosamente, sul tema dell’evento: piante, fiori, giardini, orti …

Passo in rassegna i titoli, gli autori, le copertine: molti li conosco, molti li ho letti, molti altri vorrei leggerli. Di fronte a queste esposizioni di libri, mi lascio guidare da percorsi strani: la memoria, un libro letto che ne richiama un altro o anche semplicemente, le illustrazioni botaniche, soprattutto le più datate. In un certo senso, se decido di acquistare un libro (anche più di uno, a volte!) è perché quel particolare libro mi ha lanciato un richiamo!

Eccolo, in un angolo, il libro che mi aspettava:

Helge Vedel, Johan Lange, Franco Montacchini, Alberi e arbusti, Edizioni Paoline, Roma 1983 (prima edizione: Politikens Forlag, Copenaghen 1976)

 

Fa parte di una collana pubblicata dalle Edizioni Paoline ma è un testo originariamente pubblicato da un’importante casa editrice danese, nel 1976.

Mi incuriosisco e vado a verificare gli autori, tutti autorevoli botanici: Helge Vedel e Johan Lange danesi (con loro si risale agli studi di botanica effettuati nel corso del 1800), Franco Montacchini italiano, professore dell’Università di Torino e direttore dell’Orto Botanico di Torino 1988 al 1994, scomparso lo scorso anno.

E’ più difficile risalire ai quattro illustratori, due svedesi (Ebbe Sunesen Breben DahlStrom) e due italiani (Giuliana Forneris, Giordano Pasutto). Chissà perché, visto che le illustrazioni sono notevoli e, neanche a farlo apposta, mentre lo sfogliavo si è aperto ad una bellipagina dedicata al riconoscimento delle pigne!

Insomma dietro al libro, c’è una storia interessante che varrebbe la pena ricostruire.

Tra l’altro, ho avuto occasione di citare un volume della stessa collana in un’altra occasione Fiori di campo e di bosco e con una casa editrice diversa (S.I.A.E., ma anche la storia delle due case editrici sarebbe interessante!).

Si tratta della stessa collana ma Alberi e arbusti è un esempio di come in circa venti anni anche il libro cambia!

TESTO E FOTO: Rosa Rossi


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *