Elisa Latini: sperimentazioni artistiche in mostra a Jesi

Quando abbiamo incontrato per la prima volta il lavoro artistico di Elisa Latini https://www.facebook.com/elisa.latini.92 ci è sembrato perfetto per un articolo su No Serial Number Magazine. La stampa vegetale (eco printing) è uno degli argomenti che ci piace trattare perché raduna artisti e artigiani che hanno a  cuore la natura e fanno attenzione ai materiali e ai colori che utilizzano.

Peraltro l’interesse che ha suscitato in noi Elisa Latini, formatasi all’Accademia di Belle Arti di Roma, dipende dal fatto che il suo mondo è l’arte – scultura, in primo luogo – e dunque la sperimentazione artistica.

Il suo percorso parte dai materiali – argilla, cera d’api, legno – e approda in opere innovative per il particolare uso dei materiali che utilizza nel dare forma alle sue composizioni. Parlare con lei di materiali significa parlare di natura.

Il suo studio è molto attento all’uso di materiali che sono frutto di alchimie esclusivamente naturali e bandisce, per quanto possibile, tutto ciò che è frutto di processi chimici di sintesi. Coniugando il desiderio di sperimentare nuove forme di espressione artistica e l’amore per la sua terra, Elisa ha incontrato la tecnica della stampa vegetale.

Durante tre residenze d’artista tenute presso Comuni e Parchi naturalistici delle Marche (Comune di Camerano e Parco del Conero , Casa del Parco Gola della Rossa e Castelletta, Casa degli Artisti della Gola del Furlo) ha realizzato un incontro originale arte – natura, per una serie di opere che partono da diverse tecniche di ecoprinting.

Le opere in tecnica mista (eco print e disegno) su tessuto e legno (presentate in anteprima nell’uscita di marzo 2017 del Magazine), sono ora esposte in un’ala della prestigiosa sede della Pinacoteca Civica e Galleria di Arte Contemporanea), Palazzo Pianetti, in una mostra personale dal suggestivo titolo ART’èRBARIO  (8/4 al 7/5 2017).

Accanto ai pannelli e alle tavole, non potevano mancare alcune preziose sculture a soggetto naturalistico che si segnalano per i delicati colori degli smalti artigianali.

Visitare la mostra è anche un’occasione per osservare la struttura architettonica e le preziose rifiniture tardo barocche del Palazzo nobiliare che ospita l’attuale pinacoteca, notevole esempio del Settecento marchigiano.


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

Un pensiero riguardo “Elisa Latini: sperimentazioni artistiche in mostra a Jesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *