Creare, sperimentare, partecipare: benvenuti nella Fabbrica dei Giocattoli!

Siamo sicuri che per fare contenti i bambini servano begli oggetti frutto della produzione di massa e magari prodotti grazie al lavoro di altri bambini costretti a lavorare in qualche parte del mondo e che regali non ne riceveranno mai?

fullsizerender

Siamo sicuri che non sia preferibile educare i bambini a consumare poco e meglio? A usare materiali di recupero per realizzare begli oggetti con le proprie mani? O a fare noi adulti qualcosa di speciale e unico per i nostri bambini (figli, nipoti, ecc.)?

Siamo sicuri che non sia magari preferibile un solo dono ma di materiale durevole e proveniente da una piccola manifattura locale?

 

img_9300

La Fabbrica dei Giocattoli vuole essere anche un modo per trovare risposte a questi interrogativi. Perché pensiamo che sia importante riflettere sul senso del gioco e del giocattolo in un mercato invaso da prodotti realizzati chissà dove, montati alla ‘bell’e meglio’ e che spesso durano un pomeriggio oppure da giocattoli molto costosi, accessibili solo a chi può permettersi di spendere molto denaro.

img_7852

E tutto questo per ricordare un bambino che sicuramente al momento della sua nascita e nella sua terra non ha avuto nulla del genere e, per di più, mentre in tante altre parti del mondo ci sono bambini che non hanno nulla per giocare e, a stento, qualcosa da mangiare.

Quello che proponiamo è adottare accorgimenti che non abituino i bambini (e gli adulti) a considerare legittima l’abitudine di comprare e gettare, di considerare un oggetto deperibile senza abituare il bambino al rispetto per le cose, per le persone e per il lavoro.

img_7597-2

Per far questo è sufficiente guardare indietro, anche solo di alcuni decenni, per ricordare che i regali per i bambini dovevano essere finalizzati a durare, a essere utilizzati quotidianamente, a istruire (che fossero costruzioni, libri o dischi, quaderni, capi di vestiario ecc.).

Per farlo, basta parlare con genitori, nonni, zii, con tutte le persone che hanno superato i 50 anni e che ricordano l’infanzia negli anni Sessanta del secolo scorso (o magari prima e anche un po’ dopo).

Basta frugare tra le cose rimaste in cantina o in una cassapanca a casa dei nonni, insomma in tutti quei luoghi destinati a contenere cose che non si usano più perché i bambini crescono e vengono accantonate!

img_7851

Per questo nella Fabbrica dei Giocattoli lanciamo una sfida: dimostrare che si può giocare e divertirsi con poco. I protagonisti saranno i materiali, naturali e di recupero (pigne, noci, ghiande, tappi di sughero, legno, vimini, lana, tessuti e tutto quello che può essere usato senza pericoli per i bambini).

tappi

 

lana

Sarà uno spazio allestito all’insegna della natura e della fantasia come si addice a bellissimi ambienti affacciati su un cortile medievale, con un’intera area dedicata ai workshop e alle dimostrazioni, una sala destinata al gioco dove i bambini troveranno a disposizione antichi giochi di abilità con cui divertirsi liberamente e un’area destinata a spettacoli di burattini e marionette realizzati da tanti amici che hanno voluto collaborare al progetto.

img_9313

Insomma, uno spazio No Serial Number perché ogni piccolo oggetto che verrà realizzato sarà unico e, anche se proverete a riprodurlo, sarà simile ma mai perfettamente lo stesso!

pupinopiuma

Esattamente come, in natura, le mele di un albero sono tutte mele ma ognuna è differente dall’altra!

FOTO: collezione privata; giardino di una scuola materna steineriana; V&A Museum of Childhood

TESTO: No Serial Number


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

Un pensiero riguardo “Creare, sperimentare, partecipare: benvenuti nella Fabbrica dei Giocattoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *