Appuntamento con i libri. Una visita alla Libreria dei ragazzi di Torino

Questa visita è nata in un modo un po’ speciale. Mentre ero alle prese con i libri. Anzi, per essere precisi, mentre ero alle prese con il progetto della Libreria Caffeina. Ossia con un impegno importante, per un progetto unico: una grande libreria abbinata al Teatro Caffeina e a spazi adibiti a eventi di culturali di vario tipo.

Nel frattempo, mi sto organizzando per una breve parentesi torinese.

Torino, libri, librerie … ecco, appuntamenti di lavoro a parte, mi rimane tempo per visitare una o due librerie.

Chiedo consigli ai responsabili di Caffeina, magari hanno qualche suggerimento da darmi.

Dopo poco mi arriva un messaggio insieme ad un contatto: “Chiedi a Giuseppe”. Giuseppe? Un attimo di punto interrogativo nella mente, necessario per focalizzare anche il cognome.

Il Giuseppe che mi consigliano di interpellare è proprio Giuseppe Culicchia, torinese doc, tanti titoli al suo attivo (da Tutti giù per terra al recentissimo Essere Nanni Moretti), senza dubbio un’autorità come guida alla sua città.

Ma veramente posso disturbarlo con una richiesta tutto sommato banale?

Alla fine, il messaggio parte e mi rimetto al lavoro.

(tra l’altro, ho già in programma altre mete, tra cui un museo che mi incuriosisce: il Museo della scuola e dei libri per l’infanzia dove immagino di trovarmi immersa in un’atmosfera d’altri tempi, tra libri d’altri tempi!)

Poi, tra un titolo e l’altro, è arrivata la risposta, gentilissima, con i consigli d’autore.

Una delle due mete che mi consiglia è la Libreria dei Ragazzi di Torino, Via degli Stampatori, di fronte al  giardino Lamarmora.

(riflessione a margine, ci avete fatto caso? Anche lo stradario di Torino sembra un bignami di storia!)

Guardo la mappa (Google maps è uno strumento prezioso, non c’è che dire!), calcolo tempi e distanze.

C’è tempo per entrambe le visite (museo e libreria).

Torino è una città dove si cammina volentieri.

In realtà, una volta davanti al Museo (tanto il desiderio di vederlo che non ho controllato apertura e orari!) scopro che dovrò rinviare la visita al prossimo soggiorno torinese, causa chiusura estiva.

Proseguo – anzi proseguiamo, perché sono in compagnia di amici di lunga data e di affinità culturali (i libri sono il nostro comune denominatore) – fino alla libreria, seguendo il percorso e l’ombra dei palazzi.

Una volta dentro, la sensazione precisa è quella di essere capitata nel luogo giusto, quello dove rimarresti per tutto il pomeriggio a scoprire libri, sfogliando, leggendo, comprando e appuntando titoli per acquisti futuri.

Complice una libraia d’eccezione che ci accoglie, ci coinvolge, ci segnala alcuni titoli particolarmente interessanti. Ci lascia curiosare tranquillamente tra gli scaffali, mentre commentiamo, selezioniamo e ragioniamo di libri, autori, illustratori. Sempre disponibile a rispondere a ulteriori curiosità.

Ne esco convinta di aver incontrato una persona che capta il pensiero e i desideri di chi entra nella libreria. Deve avere un sesto senso.

Perché uno dei libri sui quali attira la mia attenzione è Fiori in famiglia. Storia e storie di Eva Mameli Calvino di Elena Accati e  si trova da tempo nei miei elenchi per i prossimi acquisti (in bilico tra la lista destinata a me e quella destinata ai nipoti),

l’altro ha un titolo evocativo – Poemario di campo https://www.ibs.it/libri/autori/Alonso%20Palacios di Alonso Palacios – e mentre me lo mostra sto già pensando a come utilizzarlo in uno scritto dedicato ad autori antichi, tanto antichi che, ciclicamente e in modo assolutamente dissennato, a qualcuno viene in mente di abolirli dal panorama educativo di questo paese, per certi versi bizzarro, che è l’Italia. Perché si tratta di autori dell’antica Grecia.

Uscendo non posso fare a meno di pensare che io e lei dobbiamo avere letture in comune e che, tra queste letture, deve esserci Vendere l’anima. Il mestiere del libraio di Romano Montroni.

Chissà? La prossima volta che capito a Torino, glielo devo chiedere!

 

TESTO E FOTO: Rosa Rossi – No Serial Number


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram

Un pensiero riguardo “Appuntamento con i libri. Una visita alla Libreria dei ragazzi di Torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *