Alla scoperta del Villaggio degli elfi (tra una libreria e l’altra)

Siete in visita al Caffeina Christmas Village?

Non potete perdere l’occasione di visitare la Libreria delle favole e il Villaggio degli elfi! (in realtà, non potete perdere neppure le altre attrazioni – tantissime – di questa edizione 2017, ma quello che vi presento è un suggerimento prevalentemente fotografico che ho realizzato durante una perlustrazione).

Dal Caffeina Teatro (ossia il Teatro Incantato) (Via Cavour, 9 Viterbo) dove si trova anche la Libreria Caffeina, mi sono incamminata lungo Via San Lorenzo, ho incontrato sulla sinistra La Fabbrica dei giocattoli e ho proseguito fino a Piazza del Gesù, imboccando Via dei Pellegrini dove si trova la Casa di Babbo Natale e la Taverna di Babbo Natale.

Naturalmente, dovete fermarvi a tutte le tappe! Io andavo di fretta, la mia meta era la Libreria delle favole, un ampliamento della Libreria Caffeina dedicato tutto a voi che venite a Viterbo per questa occasione speciale!

Lasciando Via dei Pellegrini, si imbocca di nuovo Via San Lorenzo, in direzione di Piazza del Duomo (dovete arrivarci: sulla Piazza – che da sola merita una visita – trovate la giostra, tanti stand e soprattutto il magnifico Presepe, ospitato nel Palazzo dei Papi).

Subito dopo il ponte, nel cortile interno di Palazzo Farnese, trovate la Libreria delle favole. L’ambiente è perfetto per ospitare migliaia di libri che aspettano solo di essere letti da bambini piccoli, da quelli un pochino più grandi ma anche dai ragazzi. Potete trovare gli ultimi titoli, libri illustrati, libri di favole, di racconti, storie incantate e storie della natura.

Insomma, potete curiosare liberamente e scegliere quello che più vi attrae.

Finita la visita alla libreria, potete proseguire verso Piazza del Duomo per la visita al Presepe e magari un giro sulla giostra. Al ritorno, riprendete Via San Lorenzo e, appena superato il ponte, imboccate la via sulla destra e seguitela in discesa.

Vi porta direttamente all’entrata del Villaggio degli elfi: superate il cancello e seguite il percorso. Avrete l’impressione di entrare in una dimensione diversa: entrate in una casetta, osservatela nei minimi particolari, uscite e trovate in bosco.

Entrate nella successiva, completamente diversa dalla prima.

Uscite anche dalla seconda e l’ambiente in cui vi trovate è completamente diverso.

E così via, una casetta dopo l’altra, un bosco dopo l’altro fino al “Bosco che non c’è” che non vi posso raccontare: dovete scoprirlo da soli!

E non è finita ancora: ci sono la tana del drago (alla fine di un lungo tunnel), l’allegra fattoria e un mondo magico.

Anch’io, che ho visto nascere il villaggio, giorno dopo giorno, per mano di artigiani e volontari, sono rimasta incantata dai risultati.  Parola di libraia.

TESTO E FOTO: Rosa Rossi


Sei un artista o un artigiano o semplicemente ti occupi di sostenibilità e di realtà sostenibili? Vuoi che No Serial Number Italia dedichi uno spazio alla tua attività? Vuoi sottoporre a No Serial Number Italia un articolo? Scrivi a noserialnumberitaly@gmail.com

Puoi contattarci via Facebook e Instagram